Dona un libro 2022

 Dona un libro ai bambini della Paidòs

Dal 21 al 30 novembre sarà possibile donare un libro ai bambini accolti dalla Cooperativa Paidòs Onlus, che da anni si batte per i diritti dei più piccoli.

Il 20 novembre si celebra la Giornata Mondiale dell’Infanzia. In questo giorno, oltre trent’anni fa, fu ratificata la Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. E’ grazie all’adozione e ratifica di questo documento che in quasi tutti i Paesi del mondo i bambini non solo godono dei diritti fondamentali, ma sono protetti e tutelati

Main Italia, la lotteria della nascita sembra ancora mettere a dura prova i diritti di milioni di loro, ancora prima che vengano al mondo.

Differenze economiche e sociali rischiano di compromettere quello che per tutti e tutte dovrebbe essere rispettato: salute e istruzione.

Nessun bambino o bambina sceglie se e dove nascere, i più grandi possono però permettere a tutti loro di inseguire i propri sogni, superando le disuguaglianze.

A tal proposito, per il terzo anno consecutivo,  torna l’iniziativa promossa da Lucera 2.0  DONA UN LIBRO ai bambini della  Paidòs , con la partecipazione attiva delle librerie cittadine Il sasso nello stagno, Mondadori Bookstore e Kublai.

Da lunedì 21 novembre e fino al 30 novembre, recandosi presso una delle tre librerie indicate, si potrà acquistare uno dei libri appositamente selezionati e donarlo ai bambini della Cooperativa Paidòs e dell'Opera San Giuseppe.

Basterà scegliere un libro tra quelli selezionati, pagarlo e lasciarlo in consegna presso la libreria, dove un volontario della Paidòs andrà a ritirarlo, provvedendo poi a consegnarlo ai bambini.

‘’Siamo felici che questa iniziativa sia diventata ormai una tradizione – afferma Marco Di Sabato, presidente della Paidòs, che da oltre trent’anni accoglie e sostiene bambini in difficoltà – e siamo ancora più contenti per il fatto che ricada nella Giornata Mondiale dell’Infanzia. È fondamentale la protezione dei diritti di tutti i bambini per mirare ad un futuro dove non vi siano più discriminazioni e disuguaglianze’’.



 

<<torna indietro